Friday, June 09, 2006

pappardelle con fonduta di asparagi


Gli asparagi (dal greco asparagos) sono ricchi in vitamine: A, B, e C e sali minerali: potassio, fosforo selenio e calcio, hanno un forte effetto depurativo e non solo. Sembra infatti che già nell’antica Roma con Plinio gli si attribuivano proprietà afrodisiache da cui il nome erba di Venere.
Io preferisco quelli selvatici, che crescono liberamente, a quelli grandi e tozzi.
Qui in Spagna però sono quelli bianchi ad avere la meglio su quelli trigueros in specie quelli di Navarra. L’asparago bianco cresce completamente sottoterra ricoperto da un sacchetto di plastica, coperto a sua volta da sabbia.

Quando comprate gli asparagi scegliete quelli belli turgidi, con le punte ben chiuse e compatte e dal colore verde vivo.
Questa ricetta è tratta da River Café Cookbook –Green- di Ruth Rogers e Rose Gray
pappardelle
creme fraîche 200 ml
parmigiano 100 gr
un tuorlo
pepe nero
asparagi 200 gr

Versare la creme fraîche, il parmigiano, ed il tuorlo d’uovo in un pentolino e senza smettere di mescolare farlo cuocere a bagnomaria fino a che risulti cremoso.
Gli asparagi, una volta ripuliti e tagliati a bastoncini si possono lessare per pochi minuti in acqua o, come ho io fatto, rosolarli in padella con olio e sale.
Bollire le pappardelle e condirle con la fonduta e gli asparagi. Spolverare con ulteriore parmigiano e una macinatina di pepe nero.

2 comments:

Anonymous said...

Oggi era in programma il risotto ocn gli asparagi ma ho preferito provare questa tua ricetta (il tuorlo d'uovo ha fatto la differenza!) ed è venuta veramente benissimo :-))
Grazie.
Ciao.
Frank

campo di fragole said...

Grazie a te per aver provato! Mi fa davvero molto piacere.:-))
Daniela